DOMENICA 14 MAGGIO Sacro Eremo di Camaldoli e Fangacci

L’escursione, con dislivello di 700 metri, attraversa aree di suggestiva bellezza per gli ambienti naturali da osservare. Il primo tratto di sentiero è caratterizzato dalla presenza del Faggio, il cui tronco si presenta in molti casi contorto.
Dalle maestose Abetine pure di Camaldoli si passa alle faggete del crinale e poi allo splendido bosco misto del versante romagnolo, dove si trovano esemplari maestosi di abete, faggio ed altre latifoglie nobili.

Meta dell’itinerario è “La Lama”, area pianeggiante racchiusa tra pendici di rocce e di boschi che costituisce una delle zone umide più estese del Parco.
Il percorso poi si snoda nella faggeta fino a sbucare sul Passo Fangacci (1228 m), e da qui, riprendendo lo “00”, con nuovo punto panoramico sempre sulla vallata che guarda la diga di Ridracoli, si giunge all’Eremo di Camaldoli, luogo di partenza dell’escursione.

Dettagli tecnici

Partenza: ore 6.30 da p.za Oplà con mezzi propri

Itinerario: Sentieri CAI: 00 – 229 – 227

Dislivello: 700 m (lunghezza:km 12)

Tempi percorrenza: ore 6.00

Difficoltà: E

Pranzo: al sacco

Direttore: Franco Bertini 339.8904862

Coadiutore: Giuliana Valenti 380.7924741

[foto: https://it.wikipedia.org/wiki/Eremo_di_Camaldoli – By Francesco Gasparetti from Senigallia, Italy (Camaldoli: un frate bianco) [CC BY 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Wikimedia Commons]