Trekking Alpino in Piemonte: Alpe Veglia – Alpe Devero – Riale in Val Formazza 22-23- 24-25/07/2016

 

Le iscrizioni sono aperte, i posti disponibili sono 20, all’atto dell’iscrizione andrà versata una caparra di euro 50.

 

Il trekking di fine luglio di quest’ anno si svolge sul tratto di Alpi che delimitano ad est la Val D’Ossola e le sue vallate laterali dal vicino confine Svizzero. La Val D’Ossola si trova nella parte più alta del Piemonte e si insinua tra Svizzera e Lombardia occupando uno dei territori più a nord del nostro territorio nazionale. La catena interessata è quella delle Alpi Lepontine e buona parte dell’itinerario si svolge all’interno del Parco Naturale Alpe Veglia – Alpe Devero. L’escursione è una classica traversata della zona che si svolge in direzione sud ovest – nord est e che utilizza i sentieri ben segnati e frequentati della Grande Traversata Alpina (GTA) e del Sentiero Italia (SI). Durante il suo svolgimento attraverseremo un territorio ricco di valli, altopiani, laghi dalle acque cristalline incastonati in verdi boschi di larici, solari praterie di alta quota e graziose borgate, testimonianza di un passato faticoso e disagiato che si perde nel tempo . E tutto questo sempre al cospetto di alte e granitiche montagne (Monte Leone …Punta D’Arbola) che ci accompagneranno lungo il percorso con passi d’alta quota, pietraie e nevai. Saremo infine ospitati per tre sere da accoglienti rifugi alpini del Club Alpino Italiano (Rifugio Città di Arona – Rifugio Enrico Castiglioni – Rifugio Margaroli) .

 

22 Luglio: Partenza da Pistoia Piazza Oplà in pullman per località San Domenico di Varzo. Salita in seggiovia all’Alpe Ciamporino (1975 m) quindi per sentiero panoramico si raggiunge l’Alpe Veglia e il rifugio Città di Arona (1750 m). Dislivelli: salita 100 m – discesa 300 m. Tempi: 2 .00 h.

23 Luglio: Dall’Alpe veglia, si percorre il Pian Sass Mor e si attraversano i passi di Valtrenda (2431 m) e la Scatta d’Orogna (2461 m) per discendere infine la splendida Val Buscagna con i suoi alpeggi fino a calarci repentinamente nell’ampia conca prativa dell’Alpe Devero. Pernottamento al rifugio Enrico Castiglioni (1640 m). Dislivelli: salita 900 m-discesa 1050 m. Tempi: 6-7 h.

24 Luglio: Dall’Alpe Devero si prosegue fino alla graziosa borgata di Crampiolo, si guadagna il vicino lago di Devero con il suo sbarramento e lo si costeggia per buona parte della sua lunghezza fino ad iniziare a risalire i pascoli dell’Alpe Forno Inferiore e il passo di Scatta Minoia (2599 m) punto più alto di tutta la traversata. Il sentiero degrada infine verso l’Alpe Curzalma e cala nella conca del limpido lago Vannino fino a raggiungere il rifugio Margaroli (2194 m). Dislivelli: salita 1000 m – discesa 400 m. Tempi: 6-7 h.

25 Luglio: Dal lago Vannino si sale verso il passo di Nefelgiù (2583 m) per calarsi nell’ampio vallone erboso che porta lo stesso nome fino a raggiungere il lago di Morasco e la frazione di Riale (1728 m). Sulla strada del ritorno, a poca distanza da Riale potremo ammirare le famose cascate del Toce considerate le più alte d’Europa. Dislivelli: salita 400 m- discesa 850 m. Tempi: 4.00 h.

Partenza da Pistoia: ore 6.00 da piazza Oplà con pullman

Difficoltà: EE

Abbigliamento e attrezzatura: abbigliamento da montagna adeguato a tutte le situazioni meteorologiche (compresa neve) e scarponi da montagna con battistrada ben scolpito.

Direttori di escursione: ASE Torelli Andrea cell.347 3126402