DA GIOVEDÌ 25 A DOMENICA 28 LUGLIO 2019 TREKKING ESTIVO – 4 GIORNI – Anello delle Dolomiti Friulane

Le Dolomiti Friulane, dette anche Dolomiti d’Oltre Piave, sono un gruppo montuoso delle Prealpi Carniche che si sviluppa tra i fiumi Piave e Tagliamento, a cavallo tra Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Queste montagne, meno conosciute e frequentate delle vicine Dolomiti venete e trentine, sono caratterizzate da un territorio davvero impervio e selvaggio con valli incise ed assolate, creste affilate e guglie vertiginose. Questi aspetti, insieme alla scarsa accessibilità e strutture ricettive rendono le Dolomiti Friulane un luogo dove la natura è ancora incontaminata e selvaggia.
Come consuetudine, il percorso proposto per il trekking estivo è di quattro giorni complessivi, compresi i viaggi, e si appoggia, per i pernottamenti, a tre rifugi: il Rifugio Giaf, il Rifugio Pordenone ed il Rifugio Padova. L’itinerario scelto è ad anello con partenza dal Passo della Mauria (1300 m.) e, procedendo in senso orario sulle cime intorno alla Val Meluzzo, attraversa gli Spalti di Toro in corrispondenza del Campanile di Val Montanaia e costeggiando la Cridola riporta nella Val Tagliamento a Forni di Sopra (UD).

Il percorso si articola su sentieri CAI, a volte anche molto accidentati e ripidi, ma che non richiedono attrezzatura specifica.

25 LUGLIO: Partenza da Piazza Oplà in autobus per il Passo della Mauria (1300m), qualche Km ad Est di Lorenzago di Cadore sulla SS52 dove si prevede di arrivare per pranzo. Dal Passo con il sentiero CAI 341 (Alta Via 6) in circa 2-3 si arriva al Rifugio Giaf (1400 m.).
Dislivelli: salita 300 m. discesa 150 m. Tempi: 3 ore

26 LUGLIO: Dal rifugio si sale con il sentiero 361 fino alla forcella Urtisiel (1985 m.), poi si prosegue nell’alta val Binon fino a risalire (sentiero 369) la forcella Val di Brica (2076 m.). Da qui si discende la pittoresca Val di Brica e poi la Val Meluzzo (sentieri 379 e 361) fino al Rifugio Pordenone (1249 m.).
Dislivelli: salita 900 m. discesa 800 m. Tempi: 7 ore

27 LUGLIO: La mattina si sale subito sopra il rifugio la ripida e stretta Val Montanaia, in cima alla quale si trova lo spettacolare pilastro di roccia chiamato “Campanile di Val Montanaia” molto conosciuto dagli arrampicatori. Passati ai piedi del Campanile potremo fare sosta per ammirare il panorama presso il Bivacco Perugini posto poco più a monte. Si prosegue la salita fino alla forcella Montanaia (2334m.) dalla quale facendo molta attenzione scenderemo il ripido ghiaione fino al Rifugio Padova (1287 m.)
Dislivelli: salita 1.100 m. discesa 1.100 m Tempi: 8 ore

28 LUGLIO: Dal rifugio con il sentiero 346 saliamo il Pra de Toro fino alla forcella Scodavacca (2043 m.), posta tra gli Spalti di Toro e il Monte Cridola (2581 m.). Da qui, con il medesimo sentiero scendiamo fino al rifugio Giaf e poi ancora più a valle fino all’abitato di Forni di Sopra (UD) a metri 900. Ritorno in Bus verso a Pistoia con arrivo in tarda serata.
Dislivelli: salita 800 m. discesa 1.150 m Tempi: 6 ore